Nonostante le sue origini cinesi, il ramen è un piatto tipico della cucina giapponese a base di tagliatelle servite in brodo, insaporite con salsa di soia o miso, e guarnite da maiale, alghe, kamamboko, cipolla o anche mais.
L’etimologia della parola è ancora oggi molto dibattuta, e non da molto si è imposto come un cibo quotidiano in Giappone.
Ancora negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, mangiare ramen in Giappone era un’occasione speciale ed è solo alla fine degli anni ’50, con l’invenzione del ramen istantaneo, che la sua preparazione è diventata sufficientemente semplice e rapida da farlo diventare un piatto di uso comune. Anzi, col tempo il ramen si è affermato come una vera e propria icona della cultura culinaria giapponese, in molte varianti anche regionali.
Le tagliatelle del ramen sono fatte di quattro ingredienti fondamentali: farina di frumento, sale, acqua e kansui (acqua minerale alcalina contenente carbonato di sodio e di potassio e una piccola quantità di acido fosforico; possono avere varie forme e lunghezze, grosse oppure sottili come nastri, dritte oppure arricciate.
I ramen sono solitamente divisi in quattro categorie, pur mantenendo la stessa preparazione di base: il ramen shio, il più antico, molto salato, ma con una zuppa che rimane chiara e leggera e con tagliatelle di solito dritte; il ramen tonkotsu, con il tipico brodo color bianco nuvola bollito per molte ore e le tagliatelle sottili e dritte, spesso servito con beni shoga (zenzero sott’aceto) oppure māyu, un olio aromatico fatto da aglio schiacciato carbonizzato e semi di sesamo; il ramen Shōyu, con le tagliatelle quasi sempre ricce e un brodo marrone chiaro aromatizzato con molta salsa di soia, è una zuppa salata e molto saporita, spesso guarnita con germogli di bambù, cipolle, kamamboko, uova, fagioli o pepe nero; il ramen miso, la varietà più recente, totalmente giapponese, con un brodo denso, intenso e leggermente dolce e guarnizioni molto decise e anche piccanti.
Le tagliatelle sono tipicamente spesse, ricce e leggermente mollicce.
Il Shin-Yokohama Ramen Museum, aperto a Yokohama nel 1994, è un museo unico nel suo genere, in cui si raccontano la storia e le varietà di questa specialità.
Vi si trovano nove ristoranti, ciascuno con un piatto di ramen da una regione diversa.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi